Tratto da una storia vera

​Se avessi la bacchetta magica ti toglierei tutti i dolori, tutti i mali che senti. Che si tratti di corpo o di anima… io desidero solo prendermi cura del tuo cuoricino solo che a volte ne ho bisogno anch’io e parlartene mi fa pensare “scrivo, parlo, mi mostro? O nascondo, custodisco, difendo?” 

Pensare se scriverti o meno, se la cosa possa farti piacere o darti un dispiacere; se la prendi come una paranoia o se la accetti come un aprirsi sempre di più verso di te. 

Ho questo lato controverso e sensibile dentro me

E anche se mi dicesti che mi ami anche per questo sento che la cosa un po’ ti dà fastidio quindi penso che potresti anche stufarti di me.

Annunci

Sputa il veleno, rischi di autointossicarti

​Certa gente ti dice che non sei in grado di stare solo e che devi stare bene con te stesso prima che con gli altri ma poi di fatto cambia partner solo nel momento in cui hanno trovato qualcuno con cui sostituirti.

Certa gente ha la faccia tosta di fare esattamente gli stessi errori per cui anni prima ti rimproverava e si impegna in maniera veramente meschina e vile per autoconvincersi pure di essere nel giusto.

Certa gente non ha le palle di affrontarti da uomo a uomo perché come mi ricorda l’amico chico loco “un infame resta infame ed un re resta un re”.

———————-

Differenza tra me e te:

“Non ci credo che non mi ami, mi sto mostrando debole e ho bisogno di te.

 ->Eccomi sono qui, non ti abbandono.”
“Non lasciarmi, non vivo senza di te. 
->Ti conviene fartene una ragione.”

Io mi chiedo se mai avrete le palle vere per affrontare voi stessi e la vostra miseria o se preferiate crogiolarvi nelle scuse che vi fanno sentire migliori degli altri. 

Il mio nemico non ha divisa e quando uccide non chiede scusa.

Una tempesta di sogni 

Ok, 3 e 58 della mattina, come al solito ci sei tu nella mia testa. Come se non bastasse accettare che mi hai lasciato per il mio amico, come se non bastasse che non mi vuoi più nella tua vita, come se non bastasse che non mi vuoi più. 

Sai cosa? Il mio amore per te va oltre tutte queste stronzate, oltre l’orgoglio, oltre la solitudine. 

Il mio amore per te sta in tutto ciò che sono con le altre, ciò che non sono mai riuscito ad essere con te.

Perché funziono cosi: amo tutti con amore puro ma quando sono innamorato vado in tilt, e io di te ero veramente innamorato. Ed è per questo che tra noi non ha funzionato, perché ti amavo. E sai cosa? Vaffanculo. Ti amavo al punto che ogni tua singola nota di disappunto mi feriva, ogni tuo restarci male mi mortificava.
Ti amerò così. Fino a quando tu non vorrai parlarmi davvero. Fin quando la tua consapevolezza e la tua coscienza non vorranno veramente andare oltre a tutto ciò che siamo stati.
Ti amerò e ti odierò ogni giorno.
Fai una buona vita amore, anzi no, vai e prenditi tutto.
Io lo so chi sei davvero.
E non ti giudico, sai perché? Perché ti amo per quella che sei. Da molto. Sono sicuro che mi capirai.
‘Notte

Last Christmas (my best mistake)

Un anno fa. Sembra tutto così diverso da un anno fa. È tutto così diverso da un anno fa. 

Io capisco che dovrei cancellare tutto, ricordi, sofferenza, risentimenti, tutto. 

Ma ancora proprio non ci riesco. I just can’t let go.

Sei stato il più bell’errore della mia vita. E chissà se un giorno riusciremo anche a riderne o a ritrovarci. Chissà!

Basta. Basta. Basta. Ti odio. Anzi ti amo. Anzi ti ignoro. Anzi ti odio. 

Ma a chi voglio darla a bere?! Mi manchi più dell’aria e lo so bene che non è così per te. E lo sapevo! Ma ho voluto credere a te e a quel sentimento.

E ora potessi scegliere di tornare indietro nel tempo ad un anno fa, che farei?

Correggerei tutti i miei sbagli o avrei evitato di innamorarmi? Non lo so, so solo che sei stato lo sbaglio più bello di tutta la mia vita.
(Edit) e comunque Suicidol è proprio il nostro disco :*

Erase and rewind

Anima. Se avessi una figlia la chiamerei Anima. 

“Prenditi cura del mio cuoricino” 

Potessi rubare una DeLorean ora saprei cosa fare. 

“È un’ammissione amara” 

Sono solo deliri di un pazzo che nelle tenebre capisce perfettamente questo mondo e sta all’erta e non appena il sole entra finisce per autodistruggersi come un vampiro.

Una persona ti offre il suo cuore. La cosa più bella che tu possa aspettarti da un altro essere umano.

Tu le offri il tuo. E senti di aver capito tutto troppo tardi e che forse le cose sarebbero andate male comunque. Ma ti rimane quel vuoto, quella voglia di scrivere e disegnare tutti quei fogli bianchi del suo quaderno. 
Guarda che voglio sentire qualcosa di tuo al piano eh! Mettile in musica quelle emozioni amore, tutti quei colori e molto di più. Amarti fa un po’ meno male ora.

A chi lo scrivo?

A chi lo scrivo, a chi lo dico che ti amo?

Senza riserva, senza pudore, senza orgoglio. A chi lo dico che morirei per te? Ti giuro: morirei per te. 

Che stanotte non esiste nessun ragionamento, nessuna logica. Stanotte, potessi recuperare ogni sbaglio, ogni errore, lo farei. Stanotte.

Non mi frega un cazzo se amici dicono che non ne vale la pena, io ti giuro ancora: morirei per te. Potesse servire a dimostrarti quanto ti amo, mi ammazzerei ora. 

“Io non ci credo che tu non mi ami”. 25 aprile. Dio ti prego uccidimi ora perché vivere senza di lei non ha più senso.

La fermata del bus alla mattina presto, le corse per prendere quel 52, addormentarmi sui gradini mentre suoni il piano, vederti fuori dalla finestra del lavoro….

Amore mio, vorrei morire per rinascere più forte, vorrei la mia vita indietro per correggere ogni mio sbaglio, per riaverti tra le mie braccia…

Ma in fin dei conti, beh, io ti amo. E tutto ciò che mi importa è che tu sia felice. E non mi importa se questo vuol dire essere triste e disperato. La tua felicità è per me più importante della mia stessa vita.

Ma guarda amore, ti giuro che proverò ad essere felice e soddisfatto e realizzato. E lo farò solo perché tu me lo hai insegnato.

Gli altri non capiranno, ma tu si. E allora prendilo per quel che è, buon compleanno.

La bestia di Villeneuve

Una lettera, una confessione, un amore tormentato, una sensazione. Una colpa, una minaccia, un cavaliere con lancia e corazza.

Un dono è, in proporzione, una maledizione, un sogno da spendere, ma già speso nella vita scorsa, una corsa, il tempo perso in un malinteso. Un testo complesso, il resto compreso.

Una scusa, un’accusa, un rimpianto, aritmico battito, cuore di aliante, cuore di amianto.

Sapere il sapore, tenere e temere l’amore. Parole, rumore, silenzio, dolore.

Un abbaglio, l’accusa per uno sbaglio, un piccolo particolare, un dettaglio, un ricordo profondo impossibile da dimenticare.

Una notte lunga una vita, una partita per non ferire,una gara che non vuoi vincere. Spicca il volo e non voltarti, non voglio vederti o costringerti a fingere.

‘A livella, le dita sul piano, tienimi l’anima, ti tengo per mano ma dal colpo di fulmine al colpo basso è un colpo di mano. Dal senso di colpa di colpo una rivoluzione: ti chiamo, ti voglio, ti sento, ti amo.

Sotto il temporale ma soprattutto sotto l’armatura, venuto solo per dirti che non ho più paura perché quando  il paradiso diventa inferno, l’emozione è davvero pura; dolce e amara paranoia, l’orgoglio s’ingoia o l’orgoglio t’ingoia.

Brindo a noi, hai voglia riempirlo quel vuoto incolmabile, un esse o esse, memorie impresse, amore labile, amore e psiche, una scritta incancellabile: esse di esse, psicolabile.

Un sorriso che ti riempie il cuore, una notte che non finirà mai, una luce in fondo al tunnel e studi di stadi, di scavi nei guai. Una canzone di rabbia, l’immaginazione è una gabbia di sabbia: la rosa dei venti, la notte dei tempi, le botte che dai, le botte che prendi

Una tisana, un Martini, una birra, una via d’uscita, una storia, una rima, una morte, una vita, un’altra partita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: